Sei in Home Avvisi e Notizie Oschiri piange la scomparsa del Dott. Lelle Sanna storico Sindaco del paese

Oschiri piange la scomparsa del Dott. Lelle Sanna storico Sindaco del paese

PDF  Stampa  E-mail 

img_1691_tris.jpg

È venuto a mancare Dott. Lelle Sanna, storico Sindaco di Oschiri. Qui di seguito le parole che il Sindaco Piero Sircana ha espresso in suo ricordo durante la celebrazione del funerale nella Chiesa Parrocchiale.

***

Questo pensiero è stato scritto da un gruppo di amici che ritengono di avere avuto in Lelle Sanna un maestro in ambito politico, amministrativo e, in generale, un maestro di vita i cui insegnamenti hanno accompagnato l'intero loro percorso, politico e professionale. Ho l’onore di leggerlo in quanto, come Sindaco, penso di rappresentare, non soltanto il pensiero di alcuni, ma il sentire comune di tutti gli oschiresi.

Oggi termina la sua vita terrena Lelle Sanna e, per un credente come lui, è la prima parte di un’esistenza che va oltre la morte. Ma Lelle Sanna ha operato in questa sua vita terrena lasciando una traccia indelebile del suo passaggio, sempre contraddistinto da un viscerale attaccamento al paese di Oschiri e agli oschiresi. Lo vogliamo ricordare quando, nel 1956, iniziò il suo percorso pubblico di giovanissimo Sindaco – aveva 23 anni – e si diceva fosse allora il Sindaco più giovane d’Italia. Lui raccontava: “M’ana leadu dae sa carrera pro faghere su Sindigu!”.

Lelle Sanna ha iniziato fin da allora ad essere un testimone esemplare dell’impegno politico nelle istituzioni. Non concepiva la politica come professione, ma la riteneva un doveroso servizio verso la comunità a cui ha legato il suo destino per tutta la vita.

Fu un viaggio di 14 anni, fino al 1970, durante il quale ci fu la vera trasformazione del nostro paese con la realizzazione di importantissime opere pubbliche (scuole, campo sportivo, strade e fognature) e scelte amministrative che hanno influenzato la vita di Oschiri e degli oschiresi.

Uomo lungimirante, basta pensare che l’Istituto Professionale e il Demanio Forestale, intuizioni avute nei suoi primi mandati da Sindaco, hanno qualificato e continuano a qualificare la vita economica e culturale di Oschiri da allora fino ad oggi. Dopo oltre 50 anni sono ancora qui a simboleggiare la capacità di una visione e di un’azione amministrativa di lungo corso, che si protrae nel tempo, che rimane attuale anche dopo oltre mezzo secolo.

Dal 1970 al 1980 è stato consigliere provinciale essendo allora la carica di Sindaco incompatibile con questa, rimanendo sempre comunque nei banchi del Consiglio Comunale. Dal 1985 e fino al 1992 è di nuovo Sindaco di Oschiri, impegnato a lavorare per fare crescere il paese e dare risposte alle aspettative dei cittadini. Rimane in Consiglio fino al 1995.

Interprete autentico di quel cattolicesimo democratico del secondo dopo guerra, tra i leader carismatici ed empatici della corrente morotea della Democrazia Cristiana, ha sempre convenuto sulla laicità delle Istituzioni, la moderazione del linguaggio, la determinazione nel perseguire un obiettivo. Sguardo storico e intelligenza dei tempi, pazienza nel costruire processi anche dentro percorsi accidentali. Aveva voluto e ottenuto, nel 1995, a Oschiri prima che altrove, l’incontro delle due grandi tradizioni partitiche fino a quel tempo acerrime avversarie, consentendo la pacificazione politica e sociale aprendo il viatico ad una lunga stagione di cambiamenti e di progresso.

Per circa 40 anni Lelle Sanna ha operato dal Consiglio Comunale per il suo paese. Durante questi anni è sempre stato un uomo di parte, ha svolto con grande convinzione la sua militanza politica nella Democrazia Cristiana. Ma Lelle Sanna non è mai stato, ripeto mai, un uomo di parte dentro le istituzioni, dentro il Comune. Da Sindaco tutti gli oschiresi erano uguali, sia chi lo aveva votato che chi non lo aveva votato. Amava ripeterci: “Ricordate che se uno viene in Comune a chiedere qualcosa vuol dire che ha bisogno, noi dobbiamo fare tutto il possibile per risolvere il suo problema”.

Andato in pensione dal lavoro - ricordo che era direttore del Consorzio Industriale di Chilivani – e lasciato il Consiglio Comunale, ha continuato ad operare per la comunità Oschirese da Presidente della “Fondazione Giovanna Sanna”, ponendo in essere iniziative sempre tendenti a rendere vivo e vitale il nostro paese e a favorire la sua crescita sociale e culturale.

L’umanità era sicuramente il principale carattere distintivo di Dottor Sanna, con un insieme di valori ai quali faceva puntualmente riferimento, uniti a sentimenti sempre positivi verso il prossimo ed in particolare il prossimo in difficoltà. Questo atteggiamento lo ha fatto volere bene e amare non soltanto dagli amici ma da tutti coloro che hanno avuto occasione di conoscerlo e di stimarlo.

L’amicizia era uno di quei valori a cui Lelle teneva tantissimo, un valore che coltivava in ogni occasione e che lo ha portato, e di questo io sono testimone, ad avere amici, amici veri, in ogni angolo della Sardegna, di ogni genere e di ogni ceto sociale. È raro il luogo in cui mi reco dove non mi chiedono notizie, ancora oggi, di Lelle Sanna.

Da non dimenticare, poi, la preziosa custodia di mille aneddoti, che sovente raccontava a margine di riunioni politiche, e che faceva di lui la memoria vivente di anni di storia oschirese arricchita da una colta e contagiosa ironia.

Altri caratteri distintivi di Lelle Sanna erano sicuramente la dedizione, la passione nel fare le cose, la testardaggine che lo portava a insistere fino al raggiungimento dell’obbiettivo. Anche quando ha cessato la propria attività amministrativa ha agito sempre da stimolo, da pungolo nei confronti di noi nuovi amministratori spronandoci continuamente e costantemente a lavorare per raggiungere obiettivi finalizzati alla crescita del nostro paese.

L’interlocuzione, diretta o telefonica, era in genere anticipata da questa frase: “Appo postu in funzione sa errina…” e poi continuava con la sfilza di domande.

L’amore sconfinato per il suo paese e la sua gente lo ha fatto amare trasversalmente da militanti di ogni parte politica, vedendo riconosciute, forse tardi, le sue doti umane e politiche di persona perbene, generosa ed onesta.

Non c’è sicuramente il tempo per continuare a ricordare altri ruoli ricoperti da Dottor Sanna, da quello di Presidente per tanti anni della gloriosa Società di calcio Oschirese in Eccellenza regionale a quello di Presidente del Comitato Provinciale INPS, a quello di Presidente del Circondario Scolastico ed altri ancora.

Ci rimane il suo patrimonio morale e politico come esempio di un modo di essere nella vita e nella politica che forse, in un tempo meno inclemente e non troppo lontano,tornerà ad essere la regola e non l’eccezione cui ispirare il nostro agire.

Noi siamo qui, comunque, sicuri di una cosa:

Lelle Sanna è stata la figura più importante per Oschiri dell’intero Novecento. È stato la guida di una comunità e l’esempio positivo per tanti di noi. È stato l’amico di tutti. E noi tutti ci ricorderemo di lui, ci ricorderemo di te Lelle con grande sentimento di eterna gratitudine.

Riposa in pace Lelle.